NutriLetter#9 – Come usare la bilancia e il potere del freddo

Miei cari lettori,
inizio la NutriLetter di oggi con un avviso per chi vive a Milano. 
Dalla prossima settimana sarà attivo il Delivery di Menu Gourmet realizzati dal Catering Clini Foodelivery con la mia collaborazione e secondo i principi della Nutrizione Funzionale.
 
In particolare il Menu Chetox ha il duplice scopo di attuare una profonda detossificazione dell’organismo e innescare al tempo stesso il consumo del grasso corporeo. 
Ogni piatto del Menu Chetox è curato nei minimi dettagli ed è composto da ingredienti di prima qualità. L’utente può scegliere tra numerose proposte per ogni giorno della settimana e creare il proprio menu personalizzato, comprensivo di un giorno di Digiuno Intermittente.
 
Se volete smettere di pensare alla spesa o fare una pausa dai fornelli i menu di Clinifoodelivery fanno al caso vostro. 
Chi di voi stesse seguendo un Percorso Nutrizionale con me può contattarmi per verificare la compatibilità dei menu con il proprio Piano.
Questo il Codice sconto che Clinifoodelivery ha creato per voi lettori: WandaRizza10
Ed ora passiamo ai tips di oggi.
 
Tip#1
Avevate messo la bilancia in quarantena e adesso è arrivato il momento della verità? Argomento delicato, per molti vero e proprio tasto dolente che spero di alleggerire una volta per tutte.
 
Il rapporto che ognuno di noi ha con questo strumento può essere più o meno “sano”: c’è chi ha l’abitudine di pesarsi ogni giorno e chi solo quando è a dieta, ma in generale si è sempre intimoriti dalla bilancia. Il fatto è che quel numero non è quasi mai un parametro affidabile, perché non è in grado di dirci se la composizione corporea sia migliorata o peggiorata. 
 
Mi spiego meglio. Dimagrire nel modo corretto significa perdere grasso corporeo e mantenere (o aumentare, laddove necessario) i tessuti magri e in particolare il tessuto muscolare. A parità di volume il muscolo pesa di più (e consuma di più!) rispetto al tessuto adiposo, dunque se dimagriamo perdendo grasso e aumentando il muscolo è chiaro che il numero sulla bilancia non scenderà quanto avevamo previsto o sperato, ma in compenso ci vedremo più asciutti e cambieremo taglia.
Questo perché a parità di peso il muscolo occupa meno volume del grasso e dà al corpo un aspetto più definito e tonico.
 
E non è tutto.
Non mi stancherò mai di ripetere che quel temuto numero è da prendere con le pinze e non da interpretare come una sentenza, per diversi motivi:
– generalmente si consiglia di pesarsi al mattino, a digiuno e senza indumenti o accessori addosso. Non c’è però una regola universale, l’importante è che ci si pesi sempre nelle stesse condizioni, usando lo stesso strumento ed evitando di salirvi dopo un allenamento o il giorno successivo a un pasto molto carico o ricco di carboidrati (pizza in pole position)
– donne, mettetevelo in testa: in fase ovulatoria e premestruale è fisiologico pesare da 1 a 2 kg in più, ma state certe che si tratta solo di ritenzione di liquidi extracellulari e non di grasso
– bisogna tener conto dell’attività fisica svolta. Soprattutto chi si allena intensamente e/o più volte a settimana deve aspettarsi variazioni di peso di 500 g-1 kg tra giorni di allenamento e non, dovute a ridistribuzione dei liquidi e bilancio del glicogeno muscolare
– la quantità di acqua intra- ed extracellulare nel corso della giornata va incontro a importanti fluttuazioni e la differenza in termini di peso tra un giorno e l’altro può arrivare fino a 2 kg in base all’equilibrio tra acqua extracellulare e quantità di sodio (per tutti) e alla fase del ciclo mestruale (per le donne)

Per molte persone il controllo del peso corporeo può diventare un’ossessione fino ad arrivare a pesarsi più volte al giorno. Questa abitudine è decisamente sbagliata per il semplice motivo che la perdita di grasso si concretizza nell’arco di settimane, non di giorni o di ore. Bisogna evitare che minime oscillazioni influiscano sullo stato d’animo al punto da influenzare la qualità di vita, e piuttosto imparare a decifrare quello che la bilancia può dirci senza diventarne schiavi o maniaci.
 
In quest’ottica è più che sufficiente pesarsi una o due volte a settimana, evitando di farlo dopo giornate non standard dal punto di vista alimentare o sportivo.
Pesarsi più di frequente può essere utile solo per un periodo di tempo limitato al fine di comprendere le variazioni di peso fittizie correlate allo stile di vita e alla fase mestruale.
 
Vi consiglio infine di preferire (o almeno abbinare) il metro da sarta alla bilancia: misurare una o due volte a settimana la circonferenza di braccia, cosce e soprattutto vita e fianchi è un ottimo modo per valutare la perdita di peso e la tonificazione muscolare, smascherando al tempo stesso la falsa identità del numero sulla bilancia.
TIP#2
Ho il piacere di presentarvi due esperti di allenamento e coaching con i quali collaboro e che stimo moltissimo dal punto di vista professionale ed umano.
Sono due figure molto diverse, ciascuna con caratteristiche peculiari.
La cosa che li accomuna è che lavorano anche online e possono seguirvi a distanza in modo altamente personalizzato.
 
Simone Bortolotti è allenatore, Mental Coach e preparatore atletico.
La sua esperienza decennale con atleti di altissimo livello e la conoscenza di numerose discipline sportive lo hanno reso una figura unica nel suo genere, in grado di seguire la persona a 360° aiutandola ad ottimizzare le prestazioni sportive, lavorative e personali. Scoprite tutto di lui sul sito www.gardatrainer.it e trovate su YouTube e Podcast App il suo canale Sposta il tuo limite.
 
Giulio Fiorucci è Personal Trainer specializzato in Allenamento Funzionale e Coach WTA certificato. 
Il Metodo WTA mette al centro l’individuo e quello che è in grado di fare quando si allena: muoversi in totale fluidità e controllo del proprio corpo in ogni sua parte.
Il suo motto è “Riscopri il potenziale che c’è in te attraverso il movimento del tuo corpo”. Trovate i suoi servizi sul sito https://www.frc-coach.com/
TIP#3
Vi segnalo la nuova linee di tisane dell’Erboristeria Fitosofia prodotte con il mio contributo.
 
Si tratta di tre prodotti per migliorare il benessere intestinale: 
– FitoGas contro gonfiore e meteorismo
– FitoSol per casi di stipsi lieve o occasionale
– FitoLax per stipsi ostinata o cronica

Come per tutti i prodotti Fitosofia vale il Codice sconto del 10% DssaWandaRizza
 
Naturalmente ricordate che ogni intestino ha bisogno di indicazioni personalizzatesia dal punto di vista alimentare sia per quanto concerne l’integrazione di fermenti lattici. Queste polveri per tisana sono compatibili con qualsiasi protocollo nutrizionale e probiotico.
 
TIP#4
Per chi non lo sapesse io sono una ex-freddolosa, di quelle a cui diventano le labbra viola dopo aver mangiato un gelato (si, certo che mangio il gelato!). Ma da quando ho scoperto i benefici dell’esposizione al freddo la mia percezione della temperatura è cambiata in modo drastico. Non ho usato il plurale a caso, i benefici sono davvero più di uno, ma oggi voglio soffermarmi su quello relativo al metabolismo.
 
Sembra ormai appurato che esporsi al freddo permetta di aumentare il tasso di ossidazione lipidica endogena. In altre parole, mette l’organismo nella condizione di bruciare grassi più efficacemente.
Questo principio ha ispirato lo sviluppo di strumenti come la crioterapia – che ho provato per la prima volta cinque anni fa in California – e altre tecniche un po’ estreme.
C’è però un modo più semplice e casalingo di trarre beneficio dal freddo, davvero alla portata di tutti: il protocollo Ray Cronise’s shiver system 20”- 10” Cold-Warm.
 
Si mette in atto sotto la doccia alternando 10 secondi di acqua calda a 20 secondi di acqua fredda, per un tempo dai due ai dieci minuti e terminando con il freddo. Consiglio di orientare il getto sulla schiena o di spostarlo manualmente su tutto il corpo – non vale puntarlo solo alle gambe!
 
Da quando ho adottato questo protocollo ho una migliore termoregolazione e ogni volta che lo faccio avverto per molte ore la netta sensazione di vigore e lucidità mentale
Dopo l’allenamento è ancora più efficace, gli sportivi sicuramente lo confermeranno.
Altri benefici riguardano l’aumento del sonno profondo e un effetto positivo sul ritmo circadiano.

Anche per oggi è tutto, vi saluto segnalandovi il secondo Webinar dei Percorsi di Nutrizione Funzionale dal titolo Mind the Gut che si terrà in diretta mercoledì 3 Giugno alle ore 19

Qui invece la mia intervista registrata pochi giorni fa ospite del podcast  Sposta il tuo Limite a cura di Simone Bortolotti.
 
In health,
Wanda

bilancia, freddo, intestino

Logo Wanda Rizza
Marchi e loghi esterni appartengono ai legittimi proprietari e Wanda Rizza non è affiliata o certificata dalle rispettive società.
Per presunte violazioni del copyright in merito a elementi grafici o testuali e richiederne la rimozione invia un messaggio attraverso il il Form Contatti.